Balbuzie: informazioni, consigli e trattamento Oggi è: 23/08/2017
Site Map
Presidente
Collaborazioni
Forum su balbuzie
Newsletter
Mantieniti sempre aggiornato su tutte le ultime novità iscrivendoti gratuitamente alla newsletter balbuzie.
Ogni volta che vuoi ottenete qualcosa, devi tenere gli occhi aperti, concentrarti e sapere esattamente ciò che desideri. Nessuno colpisce il suo bersaglio ad occhi chiusi...

Paulo Coelho

balbuzie infantile

Diminuisci carattereDimensione carattere Aumenta carattere
  Quando intervenire?

Da quanto presente in letteratura e da quanto appreso da anni di esperienza noi sconsigliamo di effettuare una rieducazione prima dei 6/7 anni, conosciamo casi in cui la balbuzie è scomparsa da sola. Consigliamo oltremodo di non esitare ad effettuare una valida rieducazione se il problema persiste oltre questa età.

  Cosa fare se è troppo piccolo?

Bambini e adultiLa prima cosa che possono fare i genitori è parlare loro più lentamente. Infatti, nel processo di acquisizione del linguaggio normale, il bambino imita la velocità alla quale sente gli altri parlare. E il modello di questa velocità è in genere la velocità con la quale parlano i genitori. Se i genitori parlano rapidamente, il bambino tenta di parlare con la stessa rapidità. I genitori, naturalmente non si accorgono di parlare velocemente, perché sono abituati a farlo ormai da molti anni. Inoltre i genitori dovrebbero cercare di usare vocaboli semplici e soprattutto frasi corte. E' fortemente sconsigliato mostrarsi ansiosi e completare la frase interrotta dal blocco.

  Da evitare

 - Molti genitori spesso vedendo il proprio figlio che parla bene ed ad un tratto si inceppa esordiscono con la frase: "parla bene! Quando vuoi parli bene, infatti fino a poco fa non hai balbettato!" Questo tipo di reazione è da evitare, la balbuzie è ciclica, a volte appare ed a volte scompare, non si balbetta sempre e con la stessa intensità. Bisogna capire che se il bambino non è stato sottoposto ad una rieducazione ortofonica, è ingiusto oltre che controproducente agire in tal modo, il bambino anche volendo non riesce a parlare in maniera fluente!

 - Parlate al bambino più lentamente in modo che abbia più comodità nel coordinare i mille pensieri che lo affollano... i bambini tendono alla velocità perché sono i loro pensieri ad essere velocissimi.

 - Insieme al rallentamento della vostra parlata muovete di più la bocca (attenzione a non farlo troppo vistosamente);


 - Evitate di parlare in dialetto, il bambino deve sapere che deve parlare in un modo solo senza sforzarsi.

  - Potete giocare con lui a cantare o a rappare (il ritmo regolarizza la parlata e agisce sulla respirazione);

 - Inscenate dei giochi con dei pupazzi facendoli parlare (role playing- i giochi di ruolo tendono ad allontanare il problema), siate creativi dopotutto per vostro figlio vale la pena sforzarsi un po';

 - Esiste anche la possibilità di balbettare per imitazione, quindi state attenti se ci sono altre persone che balbettano e lui ne è a contatto.

___________________

Dalla casella di posta un estratto di risposta ad una richiesta di aiuto


  Mio figlio di quattro anni e mezzo balbetta da 5 mesi, cosa posso fare? Ho notato che è successo da quando è nata una sorellina

AdultiOgni persona comunica e non è possibile non comunicare. Anche solo con uno sguardo possiamo comunicare il nostro stato d'animo. Comunicare vuol dire anche ascoltare con attenzione, non solo proferire parole. Suo figlio ha visto probabilmente (non dico che sia una cosa reale ma almeno lui avrà percepito questo) l'attenzione spostarsi da un'altra parte o ha temuto che ciò si verificasse già alla vista del pancione.


E' possibile che ciò sia anche avvenuto, nel senso che gli sguardi che prima erano tutti dedicati a lui da quel momento sono stati divisi in due direzioni. Non è semplice (e io la capisco) gestire al meglio situazioni così delicate.


Una soluzione in questi casi è quella di fare in modo che i due bambini abbiano attenzioni equipartite, per esempio, quando lei allatta sua marito potrebbe giocare con suo figlio e ancora, quando suo marito gioca col più piccolo lei riempie di coccole il più grande. Sa, a volte non ci vuole una soluzione preconfezionata come un corso, bensì una correzione di alcuni comportamenti e tutto si sistema (lei è ancora in tempo per rimediare).
Altra cosa importante è non far pesare al bambino che ha questo problema perché sentendo parole come "lui parla male o lui è timido" potrebbe auto-etichettarsi e comportarsi quindi in modo coerente a quello che ha sentito dire ad un genitore.


Lui ha bisogno solo di essere ascoltato e di capire che è importante come lo era prima dell'arrivo del bebè. Ascoltare vuol dire non giudicare, nemmeno con lo sguardo. Lo ascolti cercando di non pensare a come sta parlando ma a quello che vuole dire. Ci pensi non è poi così strano...quando anche lei parla in pubblico e non ha sguardi che le sorridono o che annuiscono, diventa tutto più difficile....

Enzo Galazzo
 

 
Home | Attivitá | Corsi | La Balbuzie | Balbuzie infantile | Approfondimenti | In evidenza | Testimonianze | Centro Balbuzie | Contatti | SiteMap

© 2005-2011 Vivere Senza Balbuzie - P.I.01527270894   Tutto il materiale contenuto nel sito è coperto da diritti d'autore

Privacy Policy